fbpx

Rocker 83 - Pedale per chitarra elettrica - 80s Rockman X100-Style Overdrive, Distortion

Category: Type: ,

189,00

  • Personalizzazione

    Carica qui il tuo file immagine per personalizzare la grafica

    • 0 €
    • (max file size 150 MB)

Tutte le clip audio, sono state registrate con testata a Marshall JCM900 e cassa 2×12 equipaggiata con altoparlanti Celestion Creamback, impostata su un suono estremamente clean.

Le chitarre utilizzate sono:

Gibson Les Paul Custom
Kramer Pacer (configurazione HH con pickup Suhr)

Suono pulito chitarra/amplificatore senza pedali o effetti


Clip 1
Chitarra: Gibson Les Paul (pickup al ponte)
Edge/Dist: Edge
Treble: 6/10
Gain: 8/10
Volume: 5/10


Clip 2
Chitarra: Kramer Pacer (pickup al manico)
Edge/Dist: Dist
Treble: 6/10
Gain: 7/10
Volume: 5/10


Clip 3 – aggiunti Misty Nights Chorus e Echo On Delay.
Chitarra: Kramer Pacer (pickup al ponte)
Edge/Dist: Dist
Treble: 6/10
Gain: 8/10
Volume: 5/10


 

Rocker 83 è un distortion pedal ideato e sviluppato con l’intento di offrire a tutti i chitarristi la possibilità di ottenere il tono di chitarra degli anni ’80 per eccellenza, quello del pocket-amp Rockman X100.

A differenza dell’unità X100 originale, ideata da Tom Scholtz nei primissimi anni ’80, Rocker 83 non necessita di alimentazioni particolari e richiede un normale amplificatore per chitarra per il suo funzionamento ottimale. Costruito in uno chassis tipico da pedalino, offre i controlli tipici di un distorsore comune.

Il suono dell’era nostalgica (1983-1989) in un comune pedale.

Un po’ di storia…
Il Rockman X100 nasce nel 1982, dal suo rivoluzionario creatore, mente geniale e brillante chitarrista Tom Scholz, leader dei Boston. La storia della chitarra rock all’epoca era piuttosto giovane, era un periodo fertile e perfetto per la sperimentazione sonora e, nel caso di Tom Scholz e i suoi Boston, si possono tranquillamente identificare come la band che ha coniato un genere musicale denominato AOR (Adult Oriented Rock). Come i Boston hanno dato vita a questo genere, il Rockman X100 è il dispositivo che ha dato il via ad un’importantissima rivoluzione sonora inerente al mondo della chitarra.

Perché Rocker 83 se il Rockman X100 è nato nel 1982? A differenza di quanto accaduto in altre circostanze simili (Jimi Hendrix, Eddie Van Halen, ecc.) la sperimentazione e la nascita di questo nuovo standard non è stata sfruttata inizialmente dal suo creatore in quanto Tom Scholz non fece uso della sua creazione fino alla registrazione dell’album Third Stage del 1986 e negli album precedenti, risalenti al 1976 e 1978, Mr. Scholz scelse amplificatori Marshall, quindi, contrariamente a quanto si può immaginare, il primo disco registrato con un Rockman X100 non è dei Boston ma della band Huey Lewis and the News, che nel 1983 incisero l’album Sports.

“Il 1983 è anche il mio anno di nascita” dice Luca Colombo, “nonostante stiamo parlando dei miei primissimi anni di infanzia, ricordo perfettamente quanto quel tono di chitarra mi si sia impiantato nel cervello e nel cuore.”

Decine, centinaia, forse migliaia di dischi furono registrati in Italia e nel mondo con queste unità, ogni studio di registrazione dell’epoca aveva almeno un’unità X100, artisti e turnisti di ogni genere e da tutto il mondo ne facevano un uso spropositato: Joe Satriani nell’album “Surfing with the alien”, David Gilmour nell’album “About faces”, Billy Gibbons nell’album degli ZZ Top “Eliminator”, ma anche Maurizio Solieri nell’album “C’è chi dice no” di Vasco Rossi, Michael Landau, Corrado Rustici, giusto per citarne alcuni…

Come ogni epoca, anche questa corrente musicale in cui il Rockman X100 ne è stato protagonista indiscusso, giunge agli sgoccioli nel 1989, anno in cui, da una parte il grunge emette i suoi primi vagiti con l’album Bleach dei Nirvana, tornando in un certo senso a sonorità più selvagge e grezze, dall’altra parte, gli enormi rack da decine di unità prendono il sopravvento e il mainstream musicale cambia ancora una volta.

“Il Rockman X100 è per me un grande riferimento, tra i più importanti in assoluto. Mai come in quest’epoca che io chiamo ‘era nostalgica degli anni ottanta’, che va dal 1983 al 1989 la moda musicale chitarristica è stata inequivocabilmente tutta dalla stessa parte e anche buona parte di altri chitarristi che adoperavano altre attrezzature, volevano in qualche modo emulare le caratteristiche sonore del Rockman.” – Luca Colombo

Caratteristiche e controlli
Il Rocker 83 offre gli stessi semplici controlli di un normale distorsore per chitarra che, a differenza dell’unità X100 originale, la quale non disponeva di controlli, si possono ottenere differenti sfumature per una regolazione più precisa del proprio suono.

  • Volume: controlla il livello di uscita e il volume generale del suono distorto;
  • Treble: dosa la quantità di alte frequenze nel proprio segnale, valori alti sono perfetti quando si suona con amplificatori eccessivamente scuri;
  • Gain: controlla la quantità di distorsione nel proprio suono, valori alti producono un suono più aggressivo;
  • Edge/Dist: switch a 2 posizioni che offre due distorsioni differenti: “Edge” produce un crunch morbido, perfetto per parti ritmiche, “Dist” produce un suono più pastoso, ricco di armoniche e sustain.

*Colombo Audio Electronics non è in nessun modo affiliata con SR&D e Rockman X100.