fbpx

Echo On - Pedale per chitarra elettrica - Delay, Echo, Preamp, Binson-style Echorec

Category: Type: ,

189,00

  • Personalizzazione

    Carica qui il tuo file immagine per personalizzare la grafica

    • 0 €
    • (max file size 150 MB)

Tutti i clip audio sono stati registrati con amplificatore Fender Deluxe Reverb impostato su un suono edge, al limite della saturazione.
Le chitarre utilizzate sono:

Fender Stratocaster (equipaggiata con 3 pickup Fender single coil)
Gibson Les Paul (equipaggiata con 2 pickup humbucker Gibson)

Suono pulito chitarra/amplificatore senza pedali o effetti


Clip 1
Chitarra: Fender Stratocaster (pickup al manico + centrale)
Mix: 4/10
Time: 7/10
Feedback: 4/10
Volume: 5/10


Clip 2
Chitarra: Fender Stratocaster (pickup al ponte)
Mix: 3/10
Time: 4/10
Feedback: 4/10
Volume: 7/10


Clip 3
Chitarra: Gibson Les Paul (pickup al manico)
Mix: 3/10
Time: 3/10
Feedback: 3/10
Volume: 4/10


Clip 4 (Via Lattea Overdrive + Echo On)
Chitarra: Gibson Les Paul (pickup al manico)
Mix: 5/10
Time: 3/10
Feedback: 3/10
Volume: 5/10


 

Echo On è un pedale d’ambiente dedito a ricreare le sonorità vintage-oriented venute alla luce negli anni ’60. L’azienda italiana Binson è stata una delle prime a realizzare un prodotto simile con la serie Binson Echorec, oggetti ai quali l’Echo On si ispira e Colombo Audio Electronics vuole rendere omaggio.

Un po’ di storia…
Binson, azienda milanese, è stata una delle prime realtà in quanto alla produzione di macchine a eco. A differenza della maggior parte della concorrenza dell’epoca, hanno usato un percussore magnetico analogico invece del nastro creando così il loro prodotto più famoso, per l’appunto il Binson Echorec.

Con l’ausilio di macchine Meazzi Echomatic, Hank Marvin dei The Shadows ha iniziato ad usare varie unità Binson sia in studio di registrazione, sia dal vivo, per gran parte della metà degli anni ’60, in congiunzione con amplificatori Vox AC30 e chitarre Burns. Marvin continuò a usare Binson fino al 1979 quando, per praticità d’uso adottò un eco Roland 201.

Le unità Binson furono usate con grande intensità dell’allora frontman dei Pink Floyd, Syd Barrett, e poi dal chitarrista David Gilmour. Il classico effetto delay Binson può essere ascoltato in brani come “Interstellar Overdrive”, “Astronomy Domine”, “Shine On You Crazy Diamond” e “Time“. Jimmy Page dei Led Zeppelin ha usato un’unità Binson, si può ascoltare nel brano “When the Levee Breaks”.

Nel brano di 23 minuti dei Pink Floyd “Echoes”, Roger Waters ha usato un Binson Echorec per creare il rumore inquietante del vento subacqueo durante il primo interludio con l’ausilio di uno slide d’acciaio. Waters è solito riprodurre questo effetto in modo autentico durante le esibizioni dal vivo. “One of These Days”, una canzone scritta nello stesso periodo di “Echoes”, presenta l’effetto prominente sulla linea di basso. Il Binson Echorec è stato protagonista del primo suono dei Pink Floyd, fino a quando la band non è passata all’utilizzo del sintetizzatore VCS3 nel 1972. Il Binson Echorec Baby dei Pink Floyd è stato esposto al Victoria and Albert Museum come parte della mostra Their Mortal Remains del 2017.

Funzionamento
L’obiettivo del pedale è di riprodurre il feeling ed il suono particolare dell’Echorec in un formato più moderno e pratico essendo realizzato in un formato da standard stomp-box. Il segnale resta analogico per tutto il percorso, le ripetizioni del delay/echo vengono trattate da un chip digitale ad alta efficienza che, grazie ad una memoria RAM di 44Kbit, preserva l’accuratezza del segnale proveniente dalla chitarra. Le ribattute vengono quindi riconvertite in sinusoide e riprocessate analogicamente per riprodurre il tipico effetto di deterioramento generato dal percussore dell’unità di riferimento.
Un’altra caratteristica interessante è il preamplificatore interno che, oltre a contribuire alla qualità del tono generale, offre la possibilità di controllare il livello del segnale; è quindi possibile avere un segnale con maggiore o minore volume del segnale a pedale spento, opzione molto comoda per le parti soliste o per alcune linee che necessitano un volume differente.

I controlli dell’Echo On sono quindi i seguenti:

Mix: controlla la quantità del segnale processato dall’effetto miscelandola al segnale privo di ribattute;

Time: consente di scegliere l’intervallo di tempo che intercorre tra le ribattute (da 30 a 550 millisecondi), alti valori comportano un deterioramento del segnale più pronunciato;

Feedback: agisce sulla quantità di segnale processato che viene rimandato all’ingresso del circuito ricreando così delle ripetizioni più lunghe e intense;

Volume: controlla il volume del preamplificatore integrato e quindi il volume di uscita generale.